Aufrufe
vor 2 Jahren

Alta Qualità Alpina Dolomites 2013

  • Text
  • Dolomites
  • Alpina
  • Siusi
  • Gardena
  • Anni
  • Ospiti
  • Cucina
  • Ogni
  • Bernardi
  • Sempre
  • Radius

6

6 06/2013 alpina dolomites alpina dolomites 06/2013 7 Adesso o mai più! Lei ha i capelli biondi, lui neri brizzolati; lei è estroversa, lui di indole tranquilla… Cinzia e Hugo Bernardi sono la prova evidente che gli opposti si attraggono. Diversi, ma strettamente uniti da due cose: gli stessi sogni e la passione per il lavoro. Insieme da vent’anni, quattro figlie, sono proprietari felici e orgogliosi di due strutture che si possono annoverare tra le prime dell’Alto Adige. È stata proprio la passione a spingere due anni fa questa coppia di albergatori di Ortisei a catapultarsi in una nuova avventura. “In realtà avevamo già rifiutato l’offerta del signor Schweigkofler, il precedente proprietario”, ricorda Cinzia. “Poi, in una giornata di tempo magnifico, lui ci portò all’Alpe di Siusi...”. Ed è proprio lì che è successo. Un vero e proprio colpo di fulmine: l’Alpina Dolomites. Una scelta di vita. “È stata una decisione impulsiva”, racconta Hugo, al quale abbiamo chiesto se ha passato notti insonni a causa di questo investimento. “No”, ride lui, che cinque anni fa è diventato nuovamente padre di un vulcanico trottolino di nome Maddalena, “siamo troppo stanchi per rinunciare al sonno.” Un cinque stelle con l’atmosfera di un hotel a conduzione familiare L’impegno è più che raddoppiato: ciò nonostante, Cinzia e Hugo vogliono mantenere una struttura a gestione familiare ed essere onnipresenti in entrambi gli hotel. Condurre due alberghi a cinque stelle, l’Hotel Gardena a Ortisei e l’Alpina Dolomites sull’Alpe di Siusi, significa avere il dono dell’ubiquità o quasi. Ad ogni modo i due si spostano ogni giorno da una parte all’altra e la loro presenza è un fattore importante, non solo per i collaboratori, ma anche per gli stessi ospiti. Entrambi conoscono a fondo il mestiere dell’albergatore; non per niente sono cresciuti in strutture turistiche: Cinzia a Selva Gardena, Hugo a Ortisei. Sono entrambi albergatori purosangue e punto di riferimento dei loro collaboratori per qualsiasi questione inerente gli hotel. La loro massima priorità è l’assoluto benessere degli ospiti: in quest’ottica si inserisce anche quel tocco personale in cui Cinzia e Hugo ripongono tanta importanza. Augurare buongiorno, sorridere amichevolmente, chiedere com’è andata la giornata e accogliere calorosamente gli ospiti abituali: sono queste piccole attenzioni che fanno tutta la differenza. Gli ospiti si rendono conto che per Cinzia e Hugo questo è un atteggiamento spontaneo, che viene dal cuore. Albergatori e genitori per passione Il lavoro viene al primo posto, ma quando una delle figlie ha bisogno dei genitori, si ferma tutto. Cinzia e Hugo sono anche questo: genitori entusiasti. Le quattro figlie Michela (19), Silvia (17), Anna (14) e l’ultima nata Maddalena (5) sanno che mamma e papà sono sempre pronti ad ascoltarle. Cinzia e Hugo si scambiano uno sguardo d’intesa: “I due hotel ci impegnano moltissimo. Se per la famiglia rimane un po’ di tempo, per noi non ce n’è proprio. Ma col nostro lavoro anche questo è da mettere in conto”. Anche dopo 20 anni il loro matrimonio procede nel migliore dei modi. “Siamo molto felici”, sorride Cinzia. “Tra noi funziona proprio perché facciamo tutto insieme e perché Hugo è così paziente.” Lui allora controbatte ridendo: “Anche tu non sei certo da meno”. Poi continua: “Abbiamo avuto la fortuna di trovare dei bravi collaboratori, che hanno capito al volo quello che volevamo: l’architetto Marcello de Biasi, che ha seguito il progetto sin dall’inizio, l’architetto Gerhard Tauber e la designer d’interni Wilma Agostini”. “Il risultato ha superato tutte le nostre aspettative” “Sappiamo bene che la seconda fase edilizia è stata gravosa per l’Alpe. Ma abbiamo realizzato tutto a tempo di record e il risultato ha superato tutte le nostre aspettative.” Quando i Bernardi hanno avviato la costruzione dell’hotel, tutti gli ostacoli burocratici erano già stati superati. C’erano voluti dieci anni per ottenere tutte le autorizzazioni necessarie per lo spostamento dell’Hotel Dialer dal versante interno a quello esterno dell’Alpe. “Gli aspetti più delicati erano già stati risolti e noi ci siamo potuti concentrare sulle cose essenziali, sulla realizzazione vera e propria.” Entrambi possedevano il know-how necessario, grazie alla loro attività e all’esperienza maturata dieci anni prima durante la ricostruzione dell’Hotel Gardena: “Inoltre abbiamo avuto la fortuna di trovare subito una linea d’intesa con i nostri progettisti, ingegneri e operai, con la ditta costruttrice e con tutti quelli che hanno partecipato all’impresa. In qualche modo il nostro entusiasmo ha contagiato tutti”. Punto di riferimento per la soluzione di tutti i problemi Come all’Hotel Gardena, anche all’Alpina Dolomites Cinzia si occupa della reception e delle prenotazioni, mentre Hugo è responsabile della contabilità e funge da punto di riferimento per la risoluzione di tutti i problemi, in qualunque ambito si presentino. Durante il colloquio Hugo risponde a una decina di telefonate; Cinzia a sua volta presta ascolto alle richieste di due ospiti e contemporaneamente sceglie i nuovi grembiuli per i camerieri del ristorante, mentre cerca di concordare con la piccola Maddalena quante caramelle può ancora mangiare quel giorno.

© 2017 Weinbergweg 7 | 39100 Bozen | MwSt.-Nr.: IT00853870210 | Tel. 0471 081 561 | Fax 0471 081 569 | info@mediaradius.it