Aufrufe
vor 4 Jahren

Alta Qualità II - Economia 2012

  • Text
  • Adige
  • Alto
  • Bolzano
  • Brennero
  • Produzione
  • Aziende
  • Marchio
  • Prodotti
  • Galleria
  • Mercato
  • Radius
  • Economia

attualità themenbereich

attualità themenbereich 6 10/2012 10/2012 7 Zona produttiva di Brunico Lavori al diaframma del Lineamento Periadriatico a Mules Cunicolo esplorativo a Mules Mules: Cunicolo esplorativo e galleria di collegamento Grazie alla Galleria di Base del Brennero e il conseguente spostamento del traffico dalla strada alla ferrovia si incrementa anche notevolmente la sicurezza del traffico, poiché la frequenza di incidenti ferroviari è molto inferiore a quelli stradali. Lo spostamento del traffico di persone sulla ferrovia permette non solo di ridurre i costi per i trasporti ma anche di risparmiare risorse, soprattutto combustibili fossili. La Galleria di Base del Brennero permette di diminuire i costi economici globali per il trasporto di passeggeri. La diminuzione della pendenza e dei tempi di percorrenza riduce anche i costi operativi dei treni, permettendo di rinunciare alle locomotive di rinforzo e, conseguentemente, porta ad un aumento dell’utilizzo dei treni a 70 tonnellate nette cadauno. I treni possono essere allungati da 400 a 700 metri e necessitano di una sola locomotiva per transitare sul Brennero anziché tre. Inoltre, lo spostamento del traffico da gomma a ferro permette di ridurre i transiti di camion che in media sono due volte più costosi di un viaggio in treno con quantità analoghe. Ciò è da ricondurre, tra l’altro, al fatto che un treno merci medio che trasporta 570 tonnellate nette sostituisce ca. 38 camion. I tempi di percorrenza ridotti aumentano la raggiungibilità e conseguentemente i benefici per i passeggeri. I passeggeri raggiungono prima la loro meta o possono partire dopo dal rispettivo punto di partenza; in tal modo hanno più tempo a disposizione. Nel trasporto merci, l’ottimizzazione della raggiungibilità significa che le merci arrivano prima ai rispettivi mercati e che i processi logistici possono essere configurati in maniera più efficiente – non solo in termini di costi di trasporto ma anche i costi della produzione e i costi di immobilizzo del capitale vengono ridotti. In ogni caso per i beni che vengono trasportati su ferro – con o senza Galleria di Base del Brennero – si ottengono delle riduzioni dei tempi di percorrenza e di conseguenza dei risparmi. Infine, ottimizzando la raggiungibilità grazie alla Galleria di Base del Brennero è possibile estendere i mercati di approvvigionamento e di vendita. In tal modo si verificano dei fenomeni di crescita economica. L’habitat ideale per fare impresa L’Alto Adige non è solo bello. La pubblica amministrazione snella e trasparente offre le migliori condizioni per far nascere o sviluppare un’attività economica: tassazione ridotta, contributi mirati alle aziende innovative, sostegno all’imprenditoria giovane e femminile. Un territorio incantevole e amministrato bene, secondo regole chiare e precise che incontrano il favore dei suoi abitanti: questo è il quadro presentato dall’Alto Adige e confermato dai numerosi studi che hanno preso in esame fattori quali la soddisfazione dei cittadini (e in particolare degli imprenditori), la qualità della vita, il benessere, la disponibilità di strutture dedicate a salute, cultura, tempo libero, la presenza di incentivi, finanziamenti e forme di sostegno ai privati e alle aziende. Sole 24 Ore, ItaliaOggi e Confartigianato sono solo alcune delle realtà a sottolineare i molti vantaggi di vivere e lavorare in Alto Adige. Il futuro dell’Alto Adige è rivolto all’innovazione, soprattutto in settori chiave quali sostenibilità, ricerca e sviluppo, tecnologie alpine e alimentari. Alle aziende interessate ad avvantaggiarsi di questo contesto sono riservati sostegni finanziari agevolati, tassi di favore e contributi a fondo perduto. Perché in Alto Adige, a garantire i migliori presupposti per la nascita e lo sviluppo delle imprese, è la stessa struttura amministrativa della provincia. Il suo Statuto di Autonomia le attribuisce la competenza esclusiva in numerosi ambiti di particolare rilevanza dal punto di vista del tessuto economico: lavoro, trasporti, viabilità, scuola, formazione, sanità, agricoltura e molti altri. Di questo concetto chiave l’Alto Adige ha fatto il proprio punto fermo: dinamismo, efficienza, disponibilità verso gli imprenditori, rapidità e snellezza burocratica sono le parole d’ordine di un’amministrazione funzionante e razionale, che non ha pari in Italia. L’Alto Adige gode inoltre di una posizione geografica strategica, crocevia tra i principali flussi economici europei, e, all’ampio vantaggio logistico di cui gode la provincia più settentrionale d’Italia, si aggiungono quelli generati dalla lunga abitudine degli altoatesini allo scambio e all’incontro tra diverse culture. In Alto Adige il bilinguismo (che diventa trilinguismo nelle vallate ladine) è una realtà radicata e diffusa, sia tra la popolazione che nell’ambito di una pubblica amministrazione. Se a questo, poi, si uniscono caratteristiche quali stabilità politica, bassa criminalità ed elevatissima sicurezza percepita, formazione scientifica e professionale ai massimi livelli anche grazie al sistema duale che abitua fin da subito i giovani al mondo del lavoro reale, attitudine degli altoatesini alla precisione, alla diligenza e al lavoro in gruppo, e si immerge l’immagine che ne deriva in un contesto ambientale di qualità indiscussa, posto sul principale snodo economico e culturale tra l’Italia e la Mitteleuropa, è facile capire perché la provincia di Bolzano sia oggi uno dei luoghi più favorevoli per vivere e lavorare. Alto Adige – la “Green Region d’Italia” Le indagini di settore lo confermano regolarmente: oltre a presentare i più alti indici per qualità della vita, l’Alto Adige riesce ad esibire indicatori straordinari anche in ambiti quali “green economy” e “tecnologie alpine”. Un territorio che stupisce per concretezza, e che continua ad

© 2017 Weinbergweg 7 | 39100 Bozen | MwSt.-Nr.: IT00853870210 | Tel. 0471 081 561 | Fax 0471 081 569 | info@mediaradius.it